Riflessioni

Il Natale di oggi: i regali più belli non sono sotto l’albero

15356661_10211559934704731_4617866405107845342_n

Quando eravamo piccoli volevamo sempre tutto e non ci accontentavamo mai. Per cui l’arrivo del Natale lo vedevamo come il momento più magico dell’anno ma non tanto per l’atmosfera o la famiglia riunita, quanto per i regali che avremmo trovato sotto l’albero. Era solo un giorno speciale che ci dava il pretesto di chiedere ancora di più rispetto a quello che chiedevamo già ogni giorno ai nostri genitori.
Poi siamo cresciuti e abbiamo iniziato a vivere momenti diversi. Con il tempo molte cose si sono ridimensionate e il Natale non è stato forse più bello come lo era un prima: gli alberelli addobbati hanno inziato a racchiudere sempre meno regali e il gusto dell’attesa per quella magica notte è un po’ andato scemando.
C’è sempre un momento in cui capisci di essere cresciuta. Per me quel momento è arrivato due settimane fa, quando alla domanda di mia madre: “Martina, cosa vuoi per Natale?” io ho risposto: “Un lavoro”.
L’ho detto scherzando, proprio come si dicono tutte quelle cose serie che pronunciate in maniera diversa risulterebbero pesanti.
Ma era la verità.
Da piccola per me non era Natale se non c’era la neve per terra. Amavo la neve. Adoravo guardarla per ore cadere lenta oltre le finestre di casa mia.
La adoro ancora.
Quest’anno non ci sarà la neve a Natale e anche i regali sotto l’albero saranno pochi.
Ma, come dicevo prima, si cresce.
Ed è allora che ti guardi attorno e inizi a pensare alla fortune che hai. Alle cose belle che possiedi, che non sono oggetti, ma persone. Pensi che tutti i regali del mondo non potranno mai sostituire i ricordi dei momenti più belli condivisi quest’anno con le persone che hai accanto.
Pensi a questi giorni, in cui passeggiando per le strade del tuo paese tutti ti salutavano e si fermvano per farti gli auguri. Pensi a quanta bellezza ci possa essere nella gentilezza, nei sorrisi e ti convinci che dovrebbe essere Natale tutti i giorni per trasformarci in persone così.
Natale non dovrebbe essere un semplice giorno, ma uno stato d’animo. Un vivere quotidiano che ti porta a ringraziare per ogni cosa che hai o che ti guadagnerai: affetto, stima, amicizia, amore e… salute.
Quanto sottovalutiamo la nostra salute?
Oggi bisogna ritenersi molto fortunati ad averla, perché non a tutti è concessa così gratuitamente. C’è chi lotta per la sua vita tutti i giorni, mentre tu rischi di passarla a lagnarti per le minime cose che non hai. Non bisognerebbe vivere così.
Per questo oggi guardo al futuro pensando al presente, ai doni che già ho e ad uno molto bello che sta per arrivare.
Ma il regalo più bello lo riceveremo solo quando instraderemo la nostra vita sui giusti binari, non permettendo a nessuno di dirottarla.
Perché i regali più belli non sono quelli che scartiamo sotto l’albero ma fanno parte di noi.
E io li voglio portare con me tutti i giorni, Natale incluso.

Buon Natale a tutti!

Martina Vaggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...